Così come in ogni settore, anche nel design all’inizio del nuovo anno si fa un resoconto di quelle che saranno le tendenze principali che influenzeranno l’arredamento delle nostre abitazioni, uffici etc. Alcune cose passano di moda, altre si confermano, ma quella che sembra essere una tendenza duratura nel tempo è quella di un ritorno alle nuance della natura, sia nella scelta dei colori che dei materiali. In questo scenario, il legno non può che essere il protagonista, il materiale più antico, funzionale e performante che abbiamo e che si conferma la scelta prediletta per i rivestimenti, oltre che per il design d’interni e soprattutto per la sua capacità di abbracciare quei valori di eco-sostenibilità dei prodotti oggi ricercati attraverso la scelta di legni provenienti da filiere controllate.

 

Mini, maxi e geometrie

Come gli anni precedenti, anche quest’anno il parquet si conferma una scelta di stile e di classe, disponibile in tantissime varianti e per tutti i gusti, anche se le tendenze principali definiscono must have due stili in particolar modo, quello mini o quello maxi, ovviamente in base allo spazio a disposizione. Il formato mini resta il numero uno a valorizzare gli ambienti più piccoli e un po’ monotoni e dona un effetto dinamico e creativo all’ambiente attraverso il metodo di posa più gettonato, ovvero a spina di pesce. I formati maxi invece hanno la capacità di donare omogeneità alle superfici, di mettere in risalto le venature naturali del legno e si prestano ad ospitare un design più moderno ma anche rustico. Bisogna tuttavia prestare attenzione alla scelta dei listoni e a come vengono posizionati, ad esempio in verticale o orizzontale a seconda dell’effetto che vogliamo dare alla stanza (allungarla o allargarla). Ma se doveste essere indecisi tra i due formati, restano di tendenza anche i mix and match, ovvero mescolare due stili alternandoli con dei tagli di legno geometrici di diverso colore, cercando di ricordare che le geometrie influenzano moltissimo la percezione dello spazio, quindi meglio consultare un esperto a proposito, esponendo l’effetto che desiderate ottenere.

 

Colori, materia prima e finitura. La tendenza è di mettere in risalto la natura

La tipologia di legno che resta tra le prime scelte anche nel 2020 è il rovere, con la sua resistenza e con le sue diverse tonalità che vanno dai colori chiari a quelli bruni e si adattano perfettamente sia agli ambienti più classici che a quelli più moderni. La scelta del colore ovviamente dipende da più fattori, il parquet scuro dona fascino e ricercatezza alla propria abitazione, tuttavia è meglio utilizzarlo in ambienti più grandi in quanto tende a rimpicciolire la percezione dello spazio; al contrario dei colori più chiari che amplificano la luminosità e la profondità di una stanza e quindi adatti anche agli spazi più piccoli. I colori 2020 comunque mettono sul podio le tonalità che vanno dal color sabbia al beige fino al grigio chiaro e il bianco, l’importante è che la matrice, ovvero le venature e i nodi del legno siano ben visibili. Ciò che sicuramente contribuisce a rispecchiare tutte queste tendenze nel vostro parquet sono le finiture superficiali che sceglierete, e si conferma a tal proposito il parquet spazzolato, ovvero l’asportazione dello strato più superficiale del legno così da mettere in risalto la sua essenza naturale. La nostra azienda Disegno Legno è specializzata da più di 30 anni nella messa in posa di parquet di estrema qualità, e grazie alla nostra competenza e alla grande conoscenza della materia prima, saremo in grado di aiutarvi nella scelta di quello più adatto alle vostre esigenze a risaltarlo nel migliore dei modi. Se volete saperne di più, avere un preventivo o venire a trovarci nella nostra sede a Viale Giovanni XXIII, 27, a Bitonto in provincia di Bari, contattateci al numero +39 3393569897 o inviateci un’email all’indirizzo  info@disegnolegno.com

Legni per parquet

Share This
WhatsApp Scrivici su Whatsapp